szdf

<prec succ>
________________________________________________________________________________________________________________________

VUOTI COMUNICANTI - AREA PIRELLI, Settimo Torinese

Concorso a inviti per la progettazione di un intervento di Housing sociale

 

Il progetto prevede la creazione di un nuovo insediamento sui terreni un tempo occupati dall’industria Pirelli, e tutt’ora localizzati all’interno di un tessuto con una importante presenza industriale: Pirelli, l’Oreal, Lavazza, Fiat Iveco…. oltre ad un tessuto di piccole e medie aziende che formano un importante distretto industriale.
Il progetto interessa dunque terreni compromessi, “brown field”, e riflette lo sforzo di interrogarsi sul futuro di queste grandi porzioni di territorio rimaste prive di una funzione a seguito dei processi di deindustrializzazione in corso dagli anni settanta e oggi in attesa di nuove funzioni e ruoli. La lettura del territorio di via Torino a Settimo Torinese, ha suggerito come tema di fondo progettuale quello di assumere la condizione postindustriale non solo come occasione per operare su terreni compromessi dalla presenza originaria dell’industria e oggi disponibili ad accogliere processi urbani innovativi ma anche come opportunità, alla scala locale, per legare il nuovo intervento alla domanda abitativa prodotta del distretto industriale del nord est torinese, nel tentativo di ricreare connessioni forti fra comunità e sistema produttivo, anche nell’ottica di sperimentare nuove forme di welfare.

In questo contesto, focus del progetto è la costruzione di una comunità di persone, intesa come rete di rapporti sociali basati su abitanti che interagiscono attraverso interessi comuni e che condividono la scelta di abitare in un quartiere dove sperimentare modi di vita sostenibili, capaci di connotare il nuovo quartiere in modo da definire un elemento di riconoscibilità forte e di attrazione nei confronti del territorio esterno.

Il Presente Concorso richiede la progettazione preliminare di un intervento residenziale di housing sociale costituito da 43.333 mq di superficie utile di pavimento, integrato da servizi locali e urbani, sull’area di proprietà della società Pirelli Tyre a Settimo Torinese.

L’area di progetto, di complessivi 93.460 mq deve destinare allo spazio pubblico almeno 56.076 mq di cui almeno 37.062 mq da destinare a verde oltre a 5.205 di aree verdi e spazi aperti pubblici da destinare alla realizzazione dell’asse centrale di uso pubblico del progetto denominato "Broadway". La “Broadway” è il cuore del nuovo intervento lungo il quale trovano concentrazione il commercio e i serviziIl ma con la possibilità di essere usufruito dagli abitanti esterni, definendo una nuova centralità, un nucleo centrale di luoghi di incontro accessibili e di buona qualità e un nuovo punto di riferimento per il quartiere, la città Di Settimo e i comuni dell’intorno.

Il progetto focalizza la proposta di progetto su di un concettovisione sufficientemente generale, articolata ed immediata per essere comunicata. Quello dei Vuoti Comunicanti.
Con questa immagine si intendono sintetizzare due diversi atteggiamenti: quello che cerca di diffondere, esattamente come un liquido che si riversa tra i vuoti in reciproca connessione, attenzioni verso soluzioni di qualità a tutte le occasioni di progetto che si susseguono sequenzialmente –dalla definizione della Broadway e delle sue interazioni con gli altri spazi alla visione di come le unità residenziali possano essere tra loro articolate per creare varietà, quello per cui il vuoto è il luogo deputato allo svolgimento di azioni e rappresentazioni, e, potenzialmente tutti questi vuoti sono comunicanti; come tante stanze in cui si svolgono azioni e si compiono socializzazioni differenti ma sempre, tra loro in relazione.
Il progetto non parte prioritariamente dai volumi costruiti e ricava quindi il vuoto come spazio residuale, ma piuttosto dalla essenziale caratterizzazione dello spazio che diviene, a questo punto, spazio tra le cose e sul quale queste si confrontano.
Questi sono i gli elementi concettuali dello schema che abbiamo definito di vuoti comunicanti. Comunicanti perché tra loro interconnessi da percorsi o possibilità, e comunicanti anche perché sono porzioni definite, immaginate come luoghi che comunicano identità e caratteri propri e differenti, comunicanti rispetto alle modalità d’uso e socialità che questi spazi diffondono.
Uno spazio urbano, seppur ricco di vegetazione, ma fortemente sociale. Qui si svolgeranno le attività commerciali e ed il mercato settimanale. L’obiettivo è quello di realizzare un fulcro urbano pensato non solo come un luogo di arrivo e di sosta ma come un nodo di convergenza e di destinazione dei flussi. Un luogo elettivo delle funzioni collettive al cui interno si aprono ulteriori spazi pubblici, come i cortili del complesso a nord con un effetto di moltiplicazione e di diversificazione dello spazio urbano e della sua architettura; lo spazio della Broadway non si esaurisce nel suo spazio vuoto, ma prosegue in questi spazi pubblici e semipubblici aperti o chiusi che si affacciano su di essa.
L’obiettivo è quello di creare luoghi socialmente ricchi, frequentati e facilmente accessibili. Spazi in cui i dislivelli, la vegetazione, i materiali siano adatti per la sosta, per l’attività fisica, per il tempo libero. Cercare punti di vista, che per forma, esposizione e relazione con i luoghi di transito si prestino meglio di altri a sedersi per guardare e farsi guardare, in cui la gente comune abbia il piacere di sostare.

 

________________________________________________________________________________________________________DATI DI PROGETTO

Localizzazione:località capoluogo - morgex AOSTA

oggetto: recupero dell'edificio denominato 'ex-scuole' in un centro polifunzionale a valenza socio-sanitaria e socio-assistenziale - selezione per affidamento d'incarico


gruppo di progettazione :

nicola pirera (capogruppo), angelo delli gatti (adstudio), maurizio gontier (adstudio),

RPP studio tecnico associato, andrea piovano, prof. agostino magnaghi, massimo camasso, studio de la pierre&associati, maac99

esito: 2° posto