Profilo

adstudio è uno studio di architettura, fondato nel 2007, con sede a Settimo Torinese (TORINO) e Aymavilles (AOSTA). Opera principalmente nel campo dell’architettura, in tutte le sue accezioni e nel suo significato più esteso. Il progetto di architettura
transita spesso nell’urbanistica e nel design, dal disegno dello spazio urbano fino al disegno di oggetti.

Servizi

studi di fattibilità, progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva, direzione lavori, sicurezza, catasto e coordinamento sono strumenti che crediamo possano essere efficaci solamente se affrontati in modo corale e condiviso da tutti gli operatori edilizi; proprietari, investitori, imprese, artigiani, enti, amministrazioni e progettisti devono poter parlare la stessa lingua. solo in questo modo il risultato può essere di qualità.

Sostenibilità

i cambiamenti climatici attulamente in corso richiedono una immediata presa di coscenza da parte di tutti. crediamo nel ruolo che l’architettura può svolgere in tal senso, promuovendo scelte consapevoli e rispettose delle tematiche ambientali e garantendo
ai propri clienti un approccio strutturato ai temi di sostenibilità, contenimento dei consumi energetici, confort e bioclimatica a ogni livello di progettazione.

Competenze

la progettazione è per noi frutto di un’attenta indagine di tutti gli aspetti legati al costruito; le nostre competenze sono rivolte alla fornitura di servizi la cui qualità è alla base di ogni lavoro.

Ricerca

partecipiamo a concorsi nazionali ed internazionali, intendendo tale attività non solo finalizzata all’acquisizione di nuovi incarichi, ma anche come strumento di formazione e di ricerca progettuale. segnaliamo la vittoria al concorso internazionale per il recupero della “casa littoria” e nuovo teatro/auditorium a chivasso (to), il primo premio al concorso per la realizzazione di un portabiciclette in ambito alpino, il terzo posto al concorso per l’allestimento del museo civico p. garda di ivrea, l’affidamento d’incarico di progettazione
per l’auditorium del conservatorio l. refice a frosinone, il quarto posto al concorso ad inviti per la progettazione del quartiere di housing sociale a settimo torinese e il quarto posto al concorso per la riqualificazione dell’ex caserma scotti a chieri.

Architettura sostenibile

Consapevole dell’importanza riposta nel “costruire sostenibile”, adstudio si specializza nel campo della sostenibilità ambientale intraprendendo un percorso
formativo specifico presso l’Agenzia CasaClima di Bolzano.
adstudio ha adottato fin da subito i protocolli CasaClima
nella progettazione, garantendo ai propri clienti un approccio strutturato ai temi di sostenibi- lità, contenimento dei consumi energetici, confort
e bioclimatica a ogni livello di progettazione (urbanistico, architettonico, design d’interni). Tali aspetti sono stati applicati in modo sistematico all’attività dello studio fin dalla sua fondazione.

Processo e progetto

adstudio utilizza in modo strutturato un processo di progettazione basato sul Building information modeling (BIM) da oltre 4 anni.
L’applicazione di procedure BIM al progetto ha consentito allo studio di rendere più efficiente il flusso di progettazione, di velocizzare notevolmente le attività di disegno e definizione del progetto interne allo studio rendendo disponibili ai diversi partner specialistici (strutture, impianti, energia, ecc) tutte le informazioni necesarie allo svilupppo coerente del progetto.
Nel contempo la numerosa quantità di dati ottenibile dai modelli BIM, ha consentito allo studio di aumentare il controllo sul progetto, riducendo gli errori con maggiori garanzie per la Committenza,
rendendo ancora più precisa e dettagliata la qualità del progetto stesso.
In sintesi, lo studio è in grado di assicurare un alto livello di progettazione, tempi contenuti di elaborazione delle commesse e minori costi di gestione delle stesse.

Organizzazione

adstudio è strutturato in modo aperto e condiviso, con l’obiettivo di:
– garantire un sufficiente grado di autonomia
nella gestione degli specifici ambiti di competenza
ai singoli componenti dello studio;
– invitare collaboratori e partner ad esprimersi
liberamente e a condividere con l’intera struttura le proprie esperienze e impressioni;
– arricchire professionalmente collaboratori e partner.
La filosofia dello studio si fonda sullo stimolare le qualità professionali di ogni membro, incentivando al dialogo e al confronto costruttivo di opinioni e punti di vista, responsabilizzando il lavoro di ognuno.
Tale condizione si riflette nell’organizzazione di tipo orizzontale delle attività di studio, molto più attiva, versatile e snella rispetto alle consuete strutture
gerarchiche dove spesso leadership ingombranti
di alcuni membri penalizzano la fluidità delle operazioni quotidiane e limitano la risoluzione di criticità impreviste.
Questo approccio consente allo studio di affrontare
con serenità e competenza carichi di lavoro spesso molto pesanti, proprio grazie al fatto di poter contare sul contributo di tutti.

Struttura operativa

Dal punto di vista operativo, il flusso di progettazio- ne con i partners specialistici esterni, nonché il costante
scambio e controllo reciproco del materiale prodotto dalle diversi nuclei di lavoro è agevolato dalla condivisione dei files su piattarforma FTP.
Sinteticamente, il gruppo proposto per l’espletamento
dell’incarico si compone di:
– un capogruppo con funzione di coordinamento
esterno e interfaccia la committenza;
– una segreteria tecnica con funzione di facility management e gestione del FTP;
– un project manager con funzione di coordinamento
interno tra i vari nuclei di lavoro, coadiuva
il capogruppo;
– un BIM manager con funzione di coordinamento
dei flussi BIM;
– un video-rendering manager;
– un modelling per la creazione di plastici di studio e modellazione 3D;
– quattro nuclei di lavoro costituiti da architettura,
strutture, impianti, ambiente, energetica e acustica, paesaggio, ciascuno coordinato da un responsabile.
Coadiuvano la progettazione un esperto in materia
di sicurezza, un esperto in materia di restauro e manutenzione degli edifici esistenti, un esperto geologo, un esperto in materia di regolamenti e pianificazione comunale – un professionista locale se l’intervento è fuori Piemonte e Valle d’Aosta, un esperto in plastici, prototipazione rapida e stampa tridimensinale, un esperto in rilievo topografico, un esperto in operazioni catastali.